Intelligenza artificiale e tecnologia: fertili terreni di investimento

Ormai la sfida è aperta: Google e Amazon si stanno dando battaglia, in termini di investimento, sul tema dell’intelligenza artificiale, e tra non molto, senza correre troppo con la fantasia, gli oggetti presenti in casa comunicheranno tra di loro rendendoci un gran servizio dal punto di vista dell’economia domestica. Probabilmente il nostro frigorifero ci dirà tramite smartphone quale ricetta dovremmo preparare in base al deperimento dei cibi, o la Smart TV stilerà, in base alle nostre preferenze, una selezione di film o eventi per la serata, ecc. L’intelligenza artificiale è invero già arrivata, dobbiamo solo renderla operativa e accessibile a tutti.

Ma cosa si intende per intelligenza artificiale? Semplificando, essa indicherebbe l’abilità di un sistema tecnologico di risolvere problemi o svolgere compiti e attività tipici della mente e dell’abilità umane. In quest’ambito i colossi di cui sopra stanno investendo soprattutto nelle startup a grande contenuto tecnologico, al fine di mantenere la loro posizione di leader, ed eventualmente incrementandola. Prendiamo ad esempio proprio Amazon: nel 2017 l’azienda ha annunciato una serie di novità aventi il compito di semplificare il lavoro di chi deve creare applicazioni, ciò mediante l’impiego di servizi che velocizzino le operazioni, quali Amazon Transcribe, volto alla fedele trasformazione, con tanto di punteggiatura, di file audio in parole.

Ai nostri fini il messaggio è sempre lo stesso: nell’ottica della diversificazione valutate con il vs. consulente l’opportunità di investire nella tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *