Superare la paura generata dai mutui subprime

L’ultimo vero cigno nero risale alla crisi dei mutui subprime (prestiti ad alto rischio finanziario concessi a clienti a forte rischio debitorio), dalla quale ha avuto origine la più generale crisi economica del 2008/2009 che ha investito tutto il mondo occidentale; oggi investireste in una gestione di mutui americani?

Se si analizzano le cose con lo specchietto retrovisore la risposta sarebbe senz’altro negativa, ma in realtà i mutui americani, ad avviso di alcuni notissimi gestori obbligazionari, sono diventati oggi una vera opportunità per quella parte del portafoglio dedicata all’obbligazionario. E quali sono i motivi di questo cambiamento rispetto al 2008?

· Scarsità dell’offerta di immobili monofamiliari

· Crescita culturale delle famiglie

· Maggiore solidità patrimoniale delle famiglie

· Bilanci delle banche più solidi

A tutto questo dobbiamo aggiungere che gli standard creditizi “allegri” del 2008 rappresentano ormai un lontano ricordo, oggi i criteri con cui si valuta la solidità del soggetto a cui si eroga del credito sono tra i più severi al mondo.

In aggiunta a ciò, la percentuale dei famigerati NPL (“Non Performing Loans”, prestiti non performanti), di cui molto spesso sentiamo parlare in correlazione ai problemi delle nostre banche, è a livelli minimi. Ritengo dunque che all’interno della diversificazione del nostro portafoglio una gestione in mutui americani oggi non sia assolutamente una follia, ma anzi potrebbe rivelarsi un’opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *