Diversificare per evitare imprevisti spiacevoli

L’improvviso crollo del ponte Morandi di Genova è stato sicuramente un momento drammatico che ha colpito gli italiani e l’Europa intera. Dal punto di vista economico in quei giorni è iniziato il tracollo del titolo della società Atlantia s.p.a., già Autostrade s.p.a., che ad oggi ha perso circa il 35% del suo valore, con punte a tratti maggiori, anche in conseguenza della decisione del Governo di avviare la procedura per il ritiro della concessione.

Prescindendo dalle considerazioni politiche e dalla incancellabile tragicità dell’evento, ritengo che l’andamento del titolo Atlantia costituisca un ottimo esempio per spiegare come la diversificazione sia l’unico modo per evitare danni patrimoniali conseguenti ad eventi che possono coinvolgere una determinata società. Sostanzialmente tutti i fondi comuni di investimento avevano una percentuale minima, se non assente, del titolo Atlantia nei loro portafogli, il che ha permesso di evitare contraccolpi negativi per i risparmi degli investitori.

Un altro esempio, anch’esso di questo periodo estivo, è dato dalla crisi turca che ha portato ad un aumento della volatilità intorno alla metà di agosto: nella sola giornata di venerdì 10 agosto la lira turca ha perso il 14% del suo valore contro il dollaro, il 30% se si considera il totale dall’inizio dell’anno. Questa situazione, unitamente alla politica dei dazi degli USA contro Ankara, sta progressivamente mandando a fondo la Turchia, ma anche in questo frangente, se andiamo a vedere le quotazioni dei nostri fondi, i gli effetti sono stati sostanzialmente impercettibili.

La Turchia era infatti ritenuta dai principali investitori internazionali un paese a rischio a causa delle politiche dell’ultimo periodo ed è proprio per questo motivo che essa risulta poco considerata nei piani di investimento.

In definitiva avere un buon gestore capace di saper selezionare il rischio e fare delle scelte oculate per i nostri interessi ci ha consentito di passare un’estate serena dal punto di vista patrimoniale. Augurandovi un buon rientro alle vostre attività vi auguro anche una buona diversificazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *