Alcune risposte ai classici quesiti: come investire in un mondo di obbligazioni negative e azioni care?

Questa è la domanda che affligge molti risparmiatori in una fase di mercato, quale è quella attuale, estremamente complessa. Per quanto riguarda le obbligazioni l’elemento fondamentale è la flessibilità del gestore, che deve essere capace di muoversi in un contesto variegato ma non privo di opportunità a livello mondiale. Anche nell’obbligazionario bisogna infatti uscire dalla mentalità della cedola e pensare lo stesso come un elemento strategico nel proprio portafoglio di investimenti. Ritengo inoltre, che stabilendo un orizzonte temporale di 5 anni si possono ottenere dei buoni risultati proprio nel suddetto settore.

Per quanto riguarda l’azionario, il ciclo economico attuale ha compiuto i 10 anni (il più lungo della storia), ma la crescita è ancora solida in gran parte del globo, con i profitti delle aziende in aumento, ben oltre le aspettative; sarebbe una follia abbandonare ora il settore azionario, e allora è fondamentale stabilire una buona strategia anche in tale ambito, una strategia che si orienti su un orizzonte temporale lungo 10 anni, magri tramite un PAC.

A tutto questo affiancherei un fondo a strategia alternativa con alta decorrelazione all’azionario che sia in grado di mitigare le fasi di contrazione degli attivi: ad esempio degli investimenti alternativi liquidi, ovvero strategie di investimento con liquidità giornaliera che mostrano un potenziale di riduzione del rischio complessivo del portafoglio e un potenziale di attenuazione degli effetti delle gravi contrazioni di mercato, in particolare appunto nell’azionario.

Quindi in conclusione potremmo schematizzare le strategie in base all’orizzonte temporale:

  • Orizzonte temporale 0/2 anni: conto corrente e gestione della liquidità
  • 3/5 anni: obbligazionari flessibili a breve termine
  • 5/7 anni: obbligazionari globali flessibili
  • 7/10 anni: multi-asset e strategie alternative
  • 10 anni: azionario più PAC

Ovviamente si dovrà adattare con il proprio consulente finanziario il peso di ogni strategia in base alle proprie esigenze specifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *