2019: scenari economici per l’immediato futuro

Dal 2008, cioè dal fallimento di Lehman Brothers ad oggi, i nostri portafogli finanziari hanno subito un radicale cambiamento, vediamo perché.

I motivi sono vari, ma il principale deve rinvenirsi nel tentativo di creare valore/ottenere maggiori performance dal proprio portafoglio, considerata la graduale riduzione dei rendimenti dei classici strumenti obbligazionari (BOT/BTP) e soprattutto la loro drastica riduzione di sicurezza.

I risparmiatori hanno infatti progressivamente spostato i loro asset dalle obbligazioni a strumenti più flessibili, virando addirittura verso il mondo azionario, andando in molti casi ad innalzare il loro grado di rischio del portafoglio in maniera impensata fino a poco tempo prima.

Il 2018 è stato infatti un anno molto impegnativo per tutti gli investitori, sia in termini di performance assolute, sia soprattutto per la diffusione pressoché generalizzata di negatività su tutti gli strumenti investibili. Il susseguirsi di fattori geopolitici significativi, l’affacciarsi di una guerra commerciale non prevista e dati economici sotto le attese per molte economie ha posto un accento più negativo sulle stime introducendo molta negatività proprio nell’ultima parte dell’anno.

Ma dopo un 2018 di questo tenore, ritengo sia opportuna una riflessione sul proprio portafoglio in vista di un possibile aggiustamento futuro.

Se è pur vero che il 2019 è iniziato con un altro piglio, soprattutto per l’azionario, bisogna cominciare a reinserire nel portafoglio una maggiore decorrelazione per evitare che picchi di volatilità possano farsi sentire in maniera eccessiva, soprattutto se non propriamente coerenti con il nostro profilo di investitore.

A tal proposito ritengo che l’obbligazionario di alta qualità, dopo le recenti dichiarazioni di rallentamento nella politica di rialzo dei tassi da parte della Fed (Federal Reserve System), possa gradatamente rientrare nei nostri portafogli, sì da cominciare a creare quella decorrelazione necessaria in una fase avanzata del ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *