Investimenti sostenibili e criteri ESG: moda od occasione?

La sostenibilità fa riferimento alla continuità nel tempo di un’attività economica, e il relativo principio guida è dato dallo sviluppo sostenibile, che riguarda in modo interconnesso l’ambito ambientale, quello economico e quello sociale. Tale sviluppo è volto a soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di far fronte ai propri bisogni.

Questi concetti, ormai da tempo assunti nella coscienza comune, si sono poi affiancati i cosiddetti criteri ESG, acronimo che è ormai diventato uno standard nella definizione dell’approccio sostenibile agli investimenti. L’acronimo ESG è composto da tre parole (Enviromental, Social and Governance) che a loro volta racchiudono tre distinti universi di sensibilità sociale: il primo è quello dell’ambiente, che comprende rischi quali i cambiamenti climatici, le emissioni di CO2 (biossido di carbonio), l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, gli sprechi e la deforestazione. Il secondo include le politiche di genere, i diritti umani, gli standard lavorativi e i rapporti con la comunità civile. Il terzo universo è relativo alle pratiche di governo societarie, comprese le procedure di controllo, i comportamenti dei vertici e dell’azienda in termini di rispetto delle leggi ecc.

Oggi questi investimenti hanno un’enorme forza di attrazione soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, ad es. i Millennials, estremamente attente agli aspetti ambientali, legati in primis al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità. Può rilevarsi come un investimento sostenibile, oltre ad essere in primo luogo un investimento coerente con le tendenze ambientalistiche (pensiamo all’eliminazione della plastica o le energie rinnovabili), anche nell’ottica di un incremento costatante della popolazione mondiale (questione demografica), diventa in secondo luogo fondamentale per i nostri portafogli anche nell’ottica dei rendimenti.

Occorre infatti segnalare che secondo recenti ricerche finanziarie e accademiche, gli investimenti sostenibili hanno una correlazione positiva anche sui rendimenti, ed è per questo che le aziende più impegnate in questo senso saranno quelle capaci di produrre maggiori extra rendimenti azionari nel medio lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *