Qualche consiglio generale dopo questo periodo di forte incertezza

Dopo una prima parte dell’anno caratterizzata da una corsa senza precedenti dell’azionario, e un’estate caratterizzata da una forte volatilità legata a fattori politici ed economici (crisi di Governo italiana, dazi, brexit, rallentamento dell’economia, ecc) entriamo ora in una fase che si concentrerà sulle Banche centrali e sulle loro mosse. Ebbene, l’interrogativo di base, alla luce di una situazione così complessa, è il seguente: come possiamo posizionare il nostro portafoglio?

Sicuramente gli interventi delle Banche centrali potrebbero dare nuova spinta all’azionario, anche se il contesto economico risulta estremamente fragile; i mercati guardano infatti con attenzione alle riunioni degli istituti centrali da cui sono attesi segnali sulle prossime mosse. Interventi che, secondo gli analisti, non potranno che passare per una ripresa degli stimoli all’economia e di un generale allentamento delle politiche monetarie.

Il mio consiglio è dunque quello di mantenere una parte centrale del proprio portafoglio Multi asset (30/40%) dove il gestore sarà capace di muoversi all’interno di questo contesto estremamente variegato, un altro 10/20% andrebbe indirizzato verso delle strategie alternative, e consiglierei di chiudere l’azionario per il residuo 20/30% investendo principalmente il megatrend; per quanto attiene l’obbligazionario consiglierei di rimanere intorno al 20/30%.

In aggiunta a tutto ciò, suggerirei anche di considerare insieme al vostro consulente finanziario l’inserimento di un piano d’accumulo azionario capace di sfruttare in senso positivo la volatilità dei mercati, sì da realizzare dei versamenti aggiuntivi nelle fasi di storno del mercato azionario (stock picking). Ritengo sia infatti importante mantenere un approccio prudente in questa fase di rallentamento dell’economia, monitorando soprattutto le opportunità che sicuramente si verranno a creare con l’azione delle Banche centrali.

Come sempre sono a Vs. completa disposizione per eventuali chiarimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *