Sarà l’anno della Cina: la prima ad entrare nella pandemia e la prima ad uscirne.

Conoscere e tenere sotto controllo il mercato cinese sarà fondamentale per capire la crescita del mercato obbligazionario e azionario.

Le prospettive di crescita per il 2021 parlano di +9%, infatti la normalizzazione dell’economia porterà un forte rimbalzo soprattutto nella prima parte dell’anno, per poi andarsi a stabilizzare nella seconda parte.

Per molti esperti le quotazioni azionarie nel mercato cinese sono ancora estremamente interessanti e quindi gli investitori potranno trovare beneficio dalla crescita del Pil cinese, anche perché quest’ultima sarà principalmente legata alla crescita dei consumi della classe media, sempre maggiore e con maggior reddito disponibile. Insomma, la Cina rappresenterà il traino per la ripresa dell’economia mondiale con una crescita nettamente maggiore rispetto al resto del mondo.

Anche per quanto riguarda il mercato obbligazionario, il mercato cinese è estremamente interessante alla luce dei tassi a cui vengono emesse le obbligazioni, che oggi in molte occasioni rappresentano aziende estremamente solide rispetto al passato. Il mercato obbligazionario in Europa e Stati Uniti oggi viaggia a tassi molto bassi e in Europa, in molte occasioni, addirittura negativi per favorire la ripresa economica, questo però a discapito degli investimenti obbligazionari in questi mercati.

Alla luce di un 2021 che rappresenterà l’anno della normalizzazione economica, la Cina dovrà essere sempre più presente nei nostri portafogli sia in termini azionari (focus classe media cinese) e obbligazionari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *