L’importanza della pianificazione finanziario-assicurativa

Sfiducia nel sistema e paura di pianificare: sono queste la cause maggiori che portano ad una impasse finanziaria, ma il modo per uscirne esiste.

Il risparmio delle famiglie è uno degli aspetti più particolari e significativi della pandemia.
A fronte del peggior calo dei redditi degli ultimi 20 anni, il risparmio netto delle famiglie è più che triplicato rispetto a fine 2019.
In particolar modo il tasso di risparmio è passato dal 2,8% al 9,2% principalmente per la forte riduzione dei consumi – circa 9,8%…ma come sono stati distribuiti questi risparmi?
Da una recente analisi si evince come dei 4.455 miliardi di ricchezza finanziaria degli italiani ben 1.295 miliardi sono destinati ai depositi e 165 miliardi riguardano il denaro circolante. Oltre il 30% della ricchezza italiana è quindi sui depositi e questo rappresenta un problema ormai consolidato, infatti questo dato è in aumento del 7% rispetto al dato 2007 (pre – crisi mutui sub- prime).

Dal mio punto di vista, questo dato è figlio dell’insicurezza degli italiani nei confronti del sistema, infatti quando si chiede perché tiene così tanta liquidità sul c/c, normalmente la risposta è “perché non si sa mai”. In realtà, a questa esigenza bisognerebbe rispondere con delle tutele assicurative e non auto-assicurandosi con il proprio conto corrente.

Per uscire da questa situazione di “impasse” finanziaria le istituzioni dovranno cercare di ricreare la fiducia nel sistema e in qualche modo incentivare le persone a mettere in circolo il proprio denaro tramite strumenti che permettano di intercettare il tessuto delle piccole e medie imprese italiane (per esempio i Pir), dall’altro i risparmiatori potranno finalmente comprendere come l’unico strumento per avere un buon rapporto con il proprio denaro è quello di lavorare su una pianificazione finanziario assicurativa che permetta loro di centrare in maniera corretta i loro personalissimi obbiettivi.
Uso l’aggettivo “personalissimi” perché la pianificazione non ha una ricetta uguale per tutti ma bensì un vestito su misura capace di cogliere le sfumature più intime di ogni singolo individuo.

Probabilmente per uscire da questa crisi bisognerà accettare un po’ di inflazione con conseguenze che potrebbero essere non indifferenti per chi tiene i soldi sul conto corrente.
Insomma, il primo passo per iniziare a pianificare è pensare di aver bisogno di pianificare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *