L’inflazione intimorisce la Fed: conseguenze e previsioni

In attesa di avere dei dati più solidi per prevedere l’inizio dei rialzi, è sempre più importante diversificare puntando ad Oriente, in un contesto completamente diverso dal nostro e dal quale possiamo trarre vantaggi.

Alla luce della spinta inflazionistica più importante di quanto previsto, la Fed per ora rimanda la questione relativa al rialzo dei tassi. Powell lascia invariata la sua politica monetaria, ma precisa che il tapering potrebbe iniziare prima del previsto.

Secondo le voci più accreditate, i primi rialzi dovrebbero iniziare nella seconda parte dell’anno.
In particolare, dovrebbero iniziare da settembre, in concomitanza con dati più solidi sull’economia con particolare riguardo all’occupazione.
Dunque, per iniziare un tapering controllato si aspettano dei dati più solidi.

In quest’ottica, ritengo sempre più importante diversificare la componente obbligazionaria puntando ad Oriente, dove il contesto è completamente diverso.
Per quanto attiene la componente azionario, in un contesto in cui le quotazioni non sono così attraenti, manterrei un posizionamento incentrato sui megatrend con un’entrata graduale, sfruttando la comodità di un pac o, se in possesso di un Stock, di un capitale con un’entrata graduale da parte del gestore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *