Protezione: la base per una buona pianificazione assicurativa

Alla base di una solida pianificazione assicurativa c’è sempre la protezione: una buona copertura che tuteli dai rischi legati alla professione, ma anche da quelli legati alla salute e del patrimonio.

Un tema di fondamentale importanza per la tutela patrimoniale, soprattutto per la categoria dei medici, è relativo alla normativa sulla responsabilità civile del medico nello svolgimento della propria attività: la norma prescrive un termine di prescrizione pari a 10 anni per attivare delle azioni nei confronti del medico. Tale termine non decorre dal giorno in cui il medico determina il danno o dal momento in cui la malattia si manifesta all’esterno, ma dal momento in cui viene o può essere percepita all’esterno.

Proprio per questo è fondamentale trovare una buona alleanza capace di accompagnare il medico durante la propria attività lavorativa e anche oltre.
Il primo passo consiste nell’individuare un broker capace di muoversi in un mercato estremamente specialistico.
Lo step ulteriore sarà l’analisi della retroattività per poter tutelare a pieno la propria attività: per esempio, un neo-assunto non avrà bisogno della copertura relativa alla retroattività non avendo lavorato precedentemente, mentre se lavora da 5 anni dovrà scegliere una compagnia che copra anche i 5 anni precedenti di attività.

Come è intuitivo, il lavoro su una polizza responsabilità civile professionale non può che essere sartoriale: ogni medico ha un trascorso differente in termini di età lavorativa, storico sinistri e specialità professionale. Purtroppo, la polizza la maggior parte delle volte non viene analizzata attentamente e questo comporta rischi notevoli per il proprio patrimonio famigliare.

Un altro elemento fondamentale è il post attività di un medico, che può avvenire per pensionamento o per decesso improvviso, il quale andrebbe coperto con una garanzia postuma. Seppure il medico non eserciterà più, rimane responsabile fino al termine di prescrizione per tutta la sua attività; in caso di decesso improvviso, se gli eredi accettano l’eredità (accettando debiti e crediti) si prendono in carico il rischio di una richiesta di risarcimento che mandi in fumo l’intera eredità.
Come coprire correttamente questo rischio? La garanzia postuma è lo strumento ideale per qualsiasi fascia d’età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *