Facciamo chiarezza sulla situazione attuale

Alla notizia del conflitto tra Russia e Ucraina, è umano (troppo umano, come dice Nietzche) farsi prendere dalla paura e dallo sconforto, sensazioni che vanno a condizionare anche il nostro comportamento verso gli investimenti. Facciamo quindi chiarezza su quello che si dovrebbe (e non dovrebbe) più fare dal punto di vista finanziario in queste situazioni drammatiche.

Purtroppo, la notizia che tutti speravano di non sentire è arrivata: la Russia ha deciso
di invadere l’Ucraina. Le conseguenze a livello mondiale sono enormi e si ripercuotono anche sull’ambito finanziario.
Mentre tutti noi seguiamo con apprensione le notizie dal fronte ucraino, è doveroso mantenere accesa la luce della speranza, augurandoci che ci sia al più presto una svolta diplomatica che metta fine ai combattimenti e alle atrocità a cui stiamo assistendo.

In queste fasi drammatiche, molti investitori si chiedono se in qualche modo sia necessario intervenire sui propri investimenti.
La paura è comprensibile, soprattutto in questo contesto dominato dalla iper informazione, che non crea altro che ansia e sconcerto nelle persone.

Percepisco la vostra preoccupazione: in qualità di consulente finanziario e assicurativo, ci tengo a darvi dei consigli operativi, con la speranza di tranquillizzarvi almeno nel mio settore.

Ci sono varie considerazioni da fare: se siamo degli speculatori, ci faremo influenzare e trascinare dalla marea di informazioni negative. Al contrario, se alziamo lo sguardo e interpretiamo il contesto come investitori di medio-lungo termine, possiamo rimanere tranquilli in merito agli investimenti.

Cosa fare, allora, in un contesto come quello attuale?
In primo luogo, cercare di guardare meno il telegiornale: sembra un consiglio scontato, ma non è da sottovalutare l’influenza che esercitano i media sulla nostra percezione.

Per chi ha già investito, consiglio di rimanere fedele al programma e valutare eventualmente un versamento aggiuntivo per ottenere maggiore abbrivio nel medio lungo termine. In questo senso, per chi intende investire o lo ha già fatto, questi contesti sono situazioni dove è fondamentale mantenere la calma e affidarsi ad una gestione attiva e flessibile del proprio denaro.

Ecco perché, per chi non ha investito, il consiglio è di rompere gli indugi e cercare di pianificare i propri investimenti di medio lungo termine, definendo i propri obiettivi per orizzonti temporali specifici, affiancandosi ad un consulente finanziario (io ovviamente sono a disposizione!).

Ora mi rivolgo agli indecisi che continuano a lasciare i propri soldi sul conto corrente, in attesa di tempi migliori. Facciamo chiarezza: state facendo un errore strategico e finanziario che comporterà un impoverimento patrimoniale della vostra famiglia.

Il mio messaggio è un invito ad abbracciare il futuro senza timore, augurando che, prima di tutto, si impari la cultura della pace per non tornare al passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *