L’Italia è uno dei Paesi più longevi al mondo, ma qual è il risvolto della medaglia?

Statisticamente – e i dati Istat lo confermano – siamo tra i paesi più longevi del mondo, secondi solo al Giappone. Da un lato questo dato ci rallegra, dall’altro credo che ognuno di noi dovrebbe analizzare seriamente i rischi legati a inconvenienti e problematiche di salute che potrebbero verificarsi durante la propria, si spera, molto lunga vita.

Se ci pensate bene, quali potrebbero essere gli eventi capaci di destabilizzare la propria famiglia sia dal punto di vista psicologico che finanziario? Sicuramente un infortunio di una certa entità, una malattia, un intervento chirurgico importante, e naturalmente il rischio di rimanere, proprio in conseguenza di tali evenienze, in uno stato di non autosufficienza. Occorre infatti riflettere sul fatto che una invalidità determina non solo un costo immediato per la famiglia (spese per servizio infermieristico, visite mediche ecc.), ma implica anche l’impossibilità per il soggetto invalido di continuare la propria attività lavorativa, riducendo così il reddito familiare e generando, dunque, un ulteriore danno economico.

Ebbene, come ci si dovrebbe comportare? Due sono essenzialmente le opzioni:

1) Assumere un atteggiamento fatalista e sperare che non accadrà mai niente di simile, e se propendiamo per questa scelta sostanzialmente scegliamo l’autoassicurazione, pertanto se dovesse accadere l’evento infausto dovremo rispondere con il nostro patrimonio, se sufficiente, con il rischio di bruciarlo in pochissimo tempo.

2) Analizzare con il proprio consulente gli eventuali rischi e studiare di conseguenza un’adeguata pianificazione assicurativa.

Spesso ho infatti ripetuto come la definizione di una strategia assicurativa sia strumento necessario per consentire all’individuo, e al nucleo familiare, di tutelarsi al meglio da qualsivoglia rischio cui si è esposti; ed una delle aree di maggior intervento è proprio quello della salute. Contattatemi pure attraverso il form del sito o i miei canali social, sono a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *