È il momento di una analisi approfondita dei nostri portafogli

Vorrei porre un interrogativo: sapete esattamente che caratteristiche hanno i fondi presenti nel vostro portafoglio?

Spesso infatti ci è poco chiaro come abbiamo diversificato il nostro portafoglio, ed è per questo che risulta fondamentale tornare ad analizzare la tipologia di fondi presenti sul mercato. In particolare, i fondi aperti possono essere classificati in 5 macrocategorie, distinte in base alla percentuale minima e massima di investimento azionario: 1. Azionari, 2. Bilanciati, 3. Obbligazionari, 4. Flessibili, 5. Monetari.

Le suddette macrocategorie sono indicate in ordine crescente rispetto alla proporzione di azioni detenibili in portafoglio. Per intenderci abbiamo le seguenti possibilità: i fondi obbligazionari prevedono la presenza di obbligazioni per almeno il 70% del patrimonio, al contrario i fondi azionari prevedono almeno il 70% del patrimonio in azioni, dunque con un livello di rischio generalmente elevato. I fondi bilanciati, come suggerisce il nome, investono in proporzione variabile sia in azioni che in obbligazioni, e a loro volta si dividono in bilanciati “puri” (percentuale di azioni compresa tra il 30% e il 70%), bilanciati “azionari” (percentuale di azioni compresa tra il 50% e il 90%) e bilanciati “obbligazionari” (percentuale di azioni compresa tra il 10% e il 50%). I fondi monetari sono i prodotti a rischio più contenuto poiché investono in strumenti del mercato monetario, le cui oscillazioni sono piuttosto limitate. Infine, i fondi flessibili, che non hanno vincoli di asset allocation azionaria (0%-100%).

Fatta questa precisazione, ritengo quindi utile analizzare in maniera approfondita la vera composizione del proprio portafoglio, sì da comprendere appieno se abbiamo effettivamente diversificato i nostri investimenti o se invece sono presenti dei “doppioni”, come tali poco utili all’efficienza della nostra strategia. A tal fine, consiglio di consultare il vostro consulente, e come sempre sono a vostra disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *