Qualche dato sulla ripartenza post-estate

Dopo il pesante calo del Pil nel 2° trimestre 2020, e con la ripresa delle attività in molti settori, era atteso un rimbalzo dell’economia che dovrebbe portare ad un 3° trimestre in crescita. Questa previsione è stata rispettata?

Effettivamente, i dati di luglio ed agosto, inerenti la produzione, le ore lavorate, i consumi energetici e l’andamento della fatturazione elettronica, vanno in questa direzione. In particolare, le stime preliminari sui flussi commerciali con i paesi extra-Ue indicano la prosecuzione della fase di risalita delle vendite all’estero, mentre ad agosto il clima di fiducia delle imprese ha confermato i segnali positivi la cui diffusione coinvolge quasi tutti i settori, benché con intensità diverse.
A luglio, inoltre, si sono registrati i primi segnali di recupero anche per l’occupazione, accompagnati dalla ripresa delle ore lavorate pro capite.

Al contempo, sembra che la pandemia stia entrando in una nuova fase: è vero, i nuovi casi sono in crescita, ma il numero dei ricoveri ospedalieri e dei decessi è inferiore, e molti Paesi mostrano di avere capacità sanitarie sufficienti a gestire i nuovi pazienti.

Nel complesso, complice anche l’importante sostegno fornito dalle Banche Centrali, sembra prospettarsi un momento positivo nell’ambito del ciclo attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *