Spostiamoci verso l’Oriente

Il 2020, con gli interventi delle Banche centrali europea ed americana, ha dato un’ulteriore spinta alla politica dei tassi bassi a supporto dell’economia reale, fortemente penalizzata dalla crisi. Insomma, viene agevolato l’accesso al credito a tassi particolarmente favorevoli per imprese e consumatori e d’altronde non c’è altra possibilità in un contesto congiunturale come quello attuale.

Per esempio, pensate ai mutui a tasso fisso che hanno raggiunto il minimo storico…e allora per quanto riguarda i nostri portafogli di investimento?Sicuramente la prima considerazione da fare è che a fronte di un contesto a tassi bassi o addirittura negativi il denaro preso a prestito costa poco ma, dall’altra parte, il rendimento delle obbligazioni è estremamente basso soprattutto se confrontato con l’andamento dell’inflazione che tendenzialmente è in rialzo.

Nello specifico ritengo che le obbligazioni europee e Americane difficilmente riusciranno a tenere il passo dell’inflazione e quindi sarà fondamentale diversificare il proprio portafoglio anche ad oriente ed in particolare in obbligazioni con un focus verso l’Asia dove i rendimenti sono tutt’altro che bassi. Come sempre questa diversificazione deve avvenire tramite una gestione professionale, ossia con un gestore che sappia cogliere le opportunità e le criticità di quest’area.

Sarà sempre più importante avere un portafoglio spostato verso Oriente: la Cina oggi rappresenta solo il 3% del mercato finanziario mondiale e a tendere (2030) dovrebbe rappresentare il 12/15%. In conclusione, ritengo che sia fondamentale diversificare il nostro portafoglio obbligazionario in Asia oltre alla normale diversificazione degli altri asset (azioni, alternativi, ecc.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *